Che cos’è la Massoneria per i non massoni

“Buon giorno sono Fratel Pisquano, sono un massone e sono un cartoons, sono un virtuale, prendo in giro gli attuali massoni, i loro vizi, le loro miopie e relativi difetti” Così riportava il testo di una nota vignetta, pubblicata tempo fa. Autore Sergio Sarri. Ex Bolognese, ex Bancario, che da circa 4 anni si è dato completamente all’arte: disegna vignette sulla Massoneria. Autore di alcune pubblicazioni tra cui Massoneria grafica & Giubilo, del Piccolo Dizionario Massonico illustrato, prontuario per neofiti o profani e coautore di La Massoneria a Bologna, dal XVIII secolo al XX secolo, Sarri vive in Valtellina dove trova massima ispirazione. Un grafico prestato alla Massoneria o un Massone prestato alla grafica ? questo il dilemma da lui stesso sollevato. Ospite nei nostri studi Sarri è venuto a raccontare la sua visione Massonica.

24 Visite totali, nessuna visita odierna

Daniele Cantucci continua la sua battaglia

Un abbraccio virtuale a tutti coloro che mi hanno sostenuto in questa incredibile “battaglia” di Giustizia, Verità e Onestà contro un Sistema sporco e spietato che schiaccia chiunque si permette di contrastarlo.
La foto sbiadita vuol significare il mio attuale stato emotivo dopo aver lottato contro i mulini a vento.
Nel contempo provo pietà per tutti coloro che si sono prestati a giochini di potere fingendosi amici pur di ottenere chissà cosa…magari due denari.
Anche se ormai fuori dalla Polizia di Stato, Daniele Contucci comunque continuerà a lottare per il bene del popolo italiano.

28 Visite totali, nessuna visita odierna

CALCIO 8, L’EX GLORIA DELL’AS ROMA, FABIO PETRUZZI, NUOVO MISTER DELLA MARLAZIO


Fabio Petruzzi è il nuovo allenatore della Polisportiva Mar Lazio, per la sezione Calcio a 8. A darne l’annuncio sono il presidente della Polisportiva, Michel Emi Maritato, il presidente della sezione Calcio a 8, Simone Haver, e il direttore sportivo, Fabio Cirulli, molto soddisfatti per la scelta compiuta. L’ex difensore di serie A e gloria giallorossa, dunque, vestirà i panni del mister sulla panchina biancoazzurra, nel campionato “Centurion 8”: “Dopo una partenza zoppicante – spiega Michel Emi Maritato – stiamo risalendo la china in campionato, siamo nelle prime posizioni e questo è frutto anche e soprattutto di un mercato mirato e ambizioso. In questo contesto, dunque, si inserisce l’arrivo di Fabio Petruzzi, uomo di grande esperienza calcistica e assoluto valore aggiunto per la Mar Lazio. A lui faccio gli auguri di buon lavoro sulla panchina biancoazzurra”, chiosa il presidente Michel Emi Maritato.

27 Visite totali, nessuna visita odierna

Sanita’e Università,Foad Aodi (Amsi);siglato il gemellaggio tra UniCamillus e Ahlyia di Betlemme nel nome del dialogo, conoscenza,istruzione e solidarietà

Gianni Profita(UniCamillus) ;Borse di studio per gli studenti stranieri, affinché possano servire le popolazioni dei propri paesi di origine.

Le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), l’Associazione Medici di origine Straniera in Italia (Amsi) ,il Movimento Internazionale “ Uniti per Unire” e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro-mediterranea (UMEM)  nell’ambito del protocollo d’intesa congiunto siglato con l’Università UniCamillus il 18 Aprile 2018 , promuovono il gemellaggio con l’Università Ahlyia di Betlemme che é stato firmato dal rettore dell’Università prof.Hawni Khatib ,dal Rettore dell’Università UniCamillus prof. Gianni Profita e dal Fondatore dell’Amsi e Co-mai Prof.Foad Aodi nonché Consigliere Omceo di Roma e Coordinatore  Area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri e Area Riabilitazione dell’Omceo di Roma.Il protocollo di intesa sviluppa un gemellaggio basato  su vari punti, nei quali entrambe le Università si impegnano a creare importanti relazioni culturali, scientifiche e didattiche, promuovendo la ricerca scientifica. Le Università designeranno un responsabile per ogni progetto ( project manager) che riferirà alle autorità accademiche competenti del lavoro svolto. Tutti gli studenti delle due Università potranno beneficiare degli accordi promossi dai rispettivi atenei, e l’intesa ha la validità di ben 3 anni. Il Rettore  Gianni Profita dichiara “UniCamillus guarda con attenzione ai Paesi e territori che hanno più bisogno di sviluppare i livelli assistenziali. La formazione di giovani operatori sanitari provenienti da questi Paesi è fondamentale per attivare il circolo virtuoso di una migliore sanità. Non vediamo l’ora di accogliere numerosi studenti, formarli ed aiutarli a riportare nei loro Paesi le conoscenze acquisite. Altrettanto fondamentale è la collaborazione tra Università per lo scambio di docenti, ricercatori, studenti ed esperienze scientifiche e culturali. Siamo ansiosi di intraprendere questo percorso di interazione con l’Università Ahlyia di Betlemme”
Il Rettore dell’Università Ahlyia Prof.Awni Khatib ,dichiara , “Siamo orgogliosi di questo protocollo d’intesa con l’università UniCamillus perché consolida  l’importante storia di amicizia tra l’Italia e la Palestina ed apre ai nostri studenti la porta della preziosa ed apprezzata attività scientifica delle università italiane.Ribadiamo il percorso strategico intrapreso dalla nostra università per instaurare e intensificare le collaborazioni  a livello internazionale per arricchire la conoscenza e la preparazione dei nostri studenti nelle alte specializzazioni”.per i nostri movimenti Il Prof. Foad Aodicommenta entusiasta l’evento. “ Siamo molto soddisfatti del protocollo di intesa siglato tra   UniCamillus e l’Università diAhliya, in quanto fornirà molte possibilità di studio a tanti    studenti provenienti  dai nostri paesi di origine. Offriremo loro di studiare in lingua inglese, cosa che tanti ragazzi ci chiedono. Noi vogliamo dedicare questo gemellaggio a tutti i numerosi studenti che per sfortunate coincidenze ,situazioni tragiche o difficoltà economiche  sono scomparsi o hanno addirittura perso la vita . I nostri movimenti proseguono con dedizione la missione nel rafforzare il ruolo dell’ Italia come vettore di cultura mondiale,  rappresentata da  importanti 4 punti cardinali quali conoscenza, dialogo, istruzione e solidarietà. Apprezziamo e supportiamo tutte le iniziative tendenti a promuovere borse di studio con le finalità di arricchire il patrimonio culturale di tutti gli studenti, i quali, rientrando successivamente nei propri paesi di origine, potranno  portare a compimento , nel proprio lavoro, il bagaglio scientifico ottenuto in Italia.

26 Visite totali, nessuna visita odierna

I diritti umani secondo Roberto Malini

L’importanza dei difensori dei diritti umani in quest’Italia di barbarie istituzionale
di Roberto Malini
Genova, 30 gennaio 2019
Chi aiuta i migranti e i rom era già dossierato durante i governi precedenti, noto alle forze dell’ordine alla stregua di un asociale, censurato dai principali quotidani (e non parliamo delle televisioni), bannato dagli eventi istituzionali – naturalmente di facciata – dedicati ai diritti umani e alla Memoria dell’Olocausto. Un ostracismo che risparmiava solo le associazioni indifferenti alle politiche intolleranti, ma anzi ben inserite nel tessuto partitico. E le organizzazioni di tipo politico, che organizzano – lodevolmente – manifestazioni e cortei che tuttavia sono scollati dalla realtà di chi è perseguitato. Oggi le cose sono ulteriormente deteriorate e i difensori dei diritti umani operano in un clima marcatamente ostile. Aiutare i migranti perseguitati è considerato un atto di inimicizia verso il governo italiano. Risentono di questo clima anche la rete locale dei Cara, degli Sprar, i filantropi e i sacerdoti che non abbandonano gli ultimi a un destino di precarietà. Oggi la civiltà è in una fase di barbarie e misure sempre nuove contro gli stranieri poveri avanzano al passo dell’oca. E a causa degli accordi iniqui con la Libia, che il nuovo governo ha reso ancora meno umani, nonché dalla chiusura dei porti, l’85 per cento di chi parte dalla nazione nordafricana è intercettato dalla guardia costiera e ricondotto indietro, incarcerato e sottoposto a trattamenti inumani e degradanti, con poco cibo, poca acqua e gravi epidemie in corso fra gli internati. È così da quando l’Italia ha chiuso i suoi porti. Questo però non è il momento di farsi spaventare e di arrendersi. È invece il momento di intensificare l’assistenza ai migranti e ai senzatetto, di documentare le nefandezze istituzionali e riportarle agli organismi giuridici internazionali. Di essere uniti (anche se la figura del difensore dei diritti umani tende ormai a diradarsi e scomparire dal nostro paese a causa della repressione di stato) per resistere attraverso il supporto umanitario a chi è vessato dalle istituzioni e dagli intolleranti, la diffusione di informazione veritiera, gli appelli e le denunce presso le sedi giuridiche internazionali.

Roberto Malini

31 Visite totali, 1 visite odierne

Giuseppe Alviti, proposta di cittadinanza onoraria

Pomigliano Proposta la cittadinanza onoraria per Giuseppe Alviti
Ha sventato diverse rapine, presenziato a decine di iniziative per la promozione della cultura della legalità e ottenuto la medaglia d’argento al valore civile.
Per questo il presidente nazionale dell’Associazione Guardie Giurate, Giuseppe Alviti, merita la cittadinanza onoraria del comune di Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli.
Lo sostiene Tina Piccolo, ambasciatrice della poesia italiana nel mondo e fondatrice del Premio Internazionale – Città di Pomigliano d’Arco, che ha rivolto un appello alle istituzioni cittadine, affinché adottino tale risoluzione “in considerazione degli elevatissimi meriti conseguiti sul campo dal vertice della organizzazione di categoria.
Non resta che attendere la reazione dei vertici della municipalità che ben conoscono il potenziale destinatario della importanze benemerenza il quale, dopo aver fatto parte di corpi di eccellenza delle forze armate, ha iniziato la propria attività professionale proprio sul territorio di Pomigliano d’Arco.

25 Visite totali, nessuna visita odierna

Il secondo tempo a senso unico regala la vittoria al Banco BPM Sport Management nella vasca della Rari Nantes Savona

Vittoria sottotono per il Banco BPM Sport Management che passa a Savona, pur giocando una gara poco brillante complici le fatiche di coppa. Alla fine però il sette di mister Marco Baldineti svolge il suo compito come da copione cogliendo altri 3 punti importanti nella vasca della Rari Nantes Savona, con i Mastini che vincono 8-12 mandando a segno otto uomini di movimento (il migliore è l’azzurro Andrea Fondelli che firma 3 gol).

La gara: la gara in Liguria comincia in salita per il Banco BPM Sport Management che in avvio di gara subisce subito l’uno-due dei padroni di casa che passano con Vuskovic e Grossi. Sotto 2-0 la squadra ospite si sveglia dal torpore e inizia a carburare, con Fondelli che indicata la strada prima del pari firmato da Giuseppe Valentino. Il break degli ospiti si gonfia a dismisura nel secondo parziale con i Bustocchi che vanno a segno con Luongo, Damonte e Bruni per il 5-0 di parziale che porta la gara sul 2-5 per il Banco BPM Sport Management alla pausa dei 5 minuti. Nel terzo parziale poi con Dolce, Alesiani e ancora Fondelli gli ospiti mettono in cassaforte il risultato, poi ci pensa Milakovic, con una doppietta nello spazio di 50 secondi, a interrompere il monologo degli ospiti e l’8-0 di break di Busto Arsizio. Mirarchi però risponde alla doppietta del numero 8 dei padroni di casa segnando con l’uomo in più (7/11 in superiorità per la squadra di mister Baldineti), poi è ancora Luongo prima del terzo gol di Milakovic che fissa il risultato del terzo tempo sul 5-10. Il quarto parziale serve solo a fissare il risultato finale con Alesiani che si iscrivere a referto come ottavo marcatore bustocco di giornata. Finisce 8-12.

PROSSIMI IMPEGNI: la prossima gara del Banco BPM Sport Management sarà quella di sabato 2 febbraio, quando alle ore 15.00 alle piscine Manara di Busto Arsizio arriveranno i siciliani del Nuoto Catania.

Matteo Barbetta (attaccante Banco BPM Sport Management): “Sicuramente non abbiamo giocato benissimo oggi, abbiamo giocato con poco intensità e poco concentrati e dobbiamo lavorare su queste cose. Le partite di campionato dopo le gare di coppa sono sempre prese troppo con sufficienza. È vero che la coppa ci assorbe tante energie mentali, però dobbiamo anche capire che c’è bisogno di fare meglio. Dobbiamo ritrovare al più presto quella brillantezza che avevamo prima di Natale. Abbiamo giocato una partita brutta che avremmo dovuto giocare con un’altra intensità ma, ripeto, lavoreremo su quest’aspetto. Per ora ci teniamo stretti i 3 punti”.

STATISTICHE: https://www.federnuoto.it/discipline/pallanuoto/campionato-a1-maschile.html?view=tabellino&CodGara=7859

19 Visite totali, nessuna visita odierna

Parabiago. Cinema Architettura Cittadinanza per ricordare la storia

“Cinema Architettura Cittadinanza”: una rassegna pensata in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana per creare partecipazione e dibattito tra i cittadini nel ripensare al centro storico della città.

 Dopo aver coinvolto la Triennale di Milano nel promuovere un concorso tra professionisti per raccogliere proposte e progetti che affrontino la rigenerazione urbana del centro storico, l’Amministrazione comunale va oltre e stimola la partecipazione dei cittadini al dibattito che si aprirà nel ripensare al centro città.

Sarà una rassegna cinematografica che avrà il compito di mostrare, raccontare, ma anche stimolare riflessioni in tema urbano imparando anche da documentari e film di settore. Il progetto viaggerà parallelamente al concorso di idee con la Triennale e verrà realizzato dalla Fondazione Cineteca Italiana. La rassegna si svolgerà da aprile a giugno 2019 con proiezioni presso sedi comunali, ma anche presso il MIC (Museo Interattivo del Cinema) di Milano.

“Il tema della rigenerazione urbana richiede professionalità abituate a ragionare e a confrontarsi con il mondo dell’architettura italiano, ma anche europeo e internazionale spiega il Sindaco Raffaele Cucchi Ecco perché, anche per il nostro centro storico abbiamo voluto coinvolgere architetti importanti che svilupperanno idee e progetti attualissimi. Ma questo non ci è sembrato sufficiente, perché le opinioni, le proposte e il punto di vista di coloro che vivono la città, è fondamentale.Pertanto, abbiamo ritenuto indispensabile coinvolgere anche i cittadini in questo percorso di confronto e dibattito che coinvolgerà tutti noi nei prossimi mesi. L’idea di creare una rassegna con film e documentari a tema urbano, ci è sembra oltremodo una modalità più accattivante e immediata per aprire la discussione e ripensare al centro.”.

La rassegna cinematografica avrà il titolo di “Cinema Architettura Cittadinanza” e proporrà tra i film, anche documentari in anteprima sul tema dell’architettura, del vivere civile, dell’organizzazione e della riqualificazione degli spazi urbani. Il progetto prevede inoltre il supporto del Cinemobile Fiat 618, il furgone utilizzato dall’Istituto Luce durante il regime fascista per il servizio di informazione della Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana, divenuto poi un cine-proiettore e recuperato da Regione Lombardia, restaurato e ceduto al MIC di Milano.

LA STORIA DEL CINEMOBILE

Uno di quei veicoli era il Fiat 618 Cinemobile Sonoro del 1936, utilizzato dall’Istituto Luce prima durante il regime fascista, poi per oltre vent’anni sotto le direttive del Servizio Informazioni della Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana. Fra gli anni ’30 e gli anni ’60, il furgone, appositamente modificato per poterlo dotare delle apparecchiature audiovisive per la proiezione d’immagini, va in giro per l’Italia e grazie a un apparato sonoro “Balilla” e un cine-proiettore “Victoria V” per pellicole 35 mm, propone cinegiornali, documentari e film. Le immagini erano visibili grazie a uno schermo posizionato davanti al cofano motore e inserito all’interno di un telaio. Durante la Seconda Guerra Mondiale, il Cinemobile dovette interrompere la sua attività di cantastorie on the road, e nel 1944 il mezzo emigrò a Venezia e fu utilizzato dalla Repubblica di Salò. Dopo la Liberazione tornò a Roma, e riprese la sua attività per tutti gli anni ’50 e i primi anni ’60. La sua carriera s’interromperà nel 1964, quando viene abbandonato tra le carcasse di un cimitero d’auto alla periferia di Roma. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1996 viene acquistato da Regione Lombardia e restaurato ad opera della ditta bresciana Storicar nei primi anni 2000. Dal 15 ottobre, il MIC sarà la sua nuova casa stabile.
 

26 Visite totali, nessuna visita odierna

Ferrara, Palazzo dei Diamanti/ Sgarbi porta in tribunale sindaco e direttrice del Palazzo.


ROMA – Vittorio Sgarbi porta il tribunale il sindaco di Ferrara e la direttrice di Palazzo dei Diamanti, lo storico edificio che il critico d’arte, grazie ad una petizione che ha raccolto in pochi giorni 40 mila firme, ha salvato da un progetto di ampliamento, sponsorizzato dal Comune, che ne avrebbe stravolto l’identità architettonica. 

Il ministero dei beni culturali, infatti, proprio grazie a questa straordinaria mobilitazione popolare, ha richiamato la Soprintendenza ad una rigorosa applicazione delle vigenti leggi di tutela. 

Osserva Sgarbi: “Continuando le menzogne del Sindaco di Ferrara,Tiziano Tagliani, con accuse inaccettabili e in aperto contrasto con la legge e i principi di conservazione, con l’obbiettivo di buttare in politica e in polemiche personali l’aperta denuncia del tentativo di sottrarsi alle norme della legge e di irregolarità concorsuali; sulla stessa linea di Maria Luisa Pacelli che, lamentando attacchi non ricevuti, insulta,  con me, le migliaia di persone che hanno difeso l’integrità di Palazzo dei Diamanti da illegali ampliamenti, ho dato mandato al mio avvocato di procedere alla querela dei due esponenti del potere culturale locale”

23 Visite totali, 1 visite odierne

IL 24.01.1917 NASCEVA ERNEST BORGNINE, famoso attore e illustre Massone della Hollywood Lodge

G

#AccaddeOggi #24gennaio 1917; nasce negli USA Ernest Borgnine, nome d’arte di Ermes Effron Borgnino, (padre di origini piemontesi e madre dell’Emilia Romagna). Famoso attore e illustre Massone della Hollywood Lodge insignito del 33° da @TheScottishRite. #Massoneria #Freemasonry

Annuncio e ricordo del Grande Oriente d’Italia del famoso artista.

La carriera cinematografica di Borgnine iniziò nel 1951 e comprendeva ruoli secondari in China Corsair (1951), From Here to Eternity (1953), Vera Cruz (1954), Bad Day a Black Rock (1955) e The Wild Bunch (1969). Ha anche interpretato il ruolo non convenzionale in molti film, vincendo l’ Oscar per il miglior attore per Marty (1955). Ha ottenuto un successo continuo nella sitcom McHale’s Navy (1962-1966), in cui ha interpretato il personaggio del titolo, e ha recitato nel ruolo di Dominic Santini nella serie d’azione Airwolf (1984-1986), oltre a una vasta gamma di altri ruoli .

“Ti piace sempre mettersi davanti alle persone e prendere in giro te stesso, perché non provi?” Ero seduto al tavolo della cucina e ho visto questa luce. Non sto scherzando. Sembra pazzo. E 10 anni dopo, Grace Kelly mi consegnò un Oscar .

Dopo la guerra entrò in fabbrica ma non era soddisfatto e la madre lo incoraggiò a sfruttare le sue doti comunicative, studiò recitazione alla Randall School of Drama di Hartford, poi si è trasferito in Virginia, dove è diventato membro del Barter Theatre di Abingdon, in Virginia: suo primo ruolo teatrale in State of the Union.

37 Visite totali, 1 visite odierne